Definizione

La malocclusione è la cattiva chiusura della bocca dovuta al mal posizionamento dei denti o alla differenza di dimensione e posizione di una mandibola rispetto all’altra.

Cause

Le cause della malocclusione si distinguono in fattori ereditari e ambientali.

Fattori ereditari

  • Affollamento dei denti
  • Spazio tra i singoli denti (diastema)
  • Numero di denti superiore al normale
  • Crescita ossea mascellare o mandibolare in eccesso o in difetto

Fattori ambientali

  • Abitudini viziate prolungate, come il succhiamento di pollice o ciuccio
  • Deglutizione infantile con interposizione della lingua tra i denti
  • Respirazione per bocca invece che per naso a causa di allergie, ostruzione delle vie aeree superiori da tonsille e adenoidi ipertrofiche, deviazione del setto nasale
  • Perdita prematura dei denti decidui o permanenti a causa di carie o traumi

Sintomi

La malocclusione dentale può provocare sintomi mandibolari ed extra mandibolari, la diversa intensità dei sintomi dipende dall’entità del disturbo.

  • Difficoltà masticatorie
  • Mal allineamento del viso
  • Aumento del rischio di carie, gengiviti e alterazioni temporo-mandibolari
  • Tendenza a respirare con la bocca aperta
  • Acufeni o ronzii alle orecchie, vertigini e otalgie, disturbi spesso associati a disordini cranio-mandibolari
  • Difficoltà respiratorie: tosse cronica, rinosinusite, asma e bronchite cronica
  • Mal di schiena, cervicale

Prevenzione e Trattamento

La visita di controllo odontoiatrica evidenzia la presenza dei fattori che potrebbero causare la malocclusione. Se il disturbo è già presente, l’odontoiatra può intervenire in diversi modi in base alla natura e alla gravità della malocclusione. Si può ricorrere, per esempio, all’applicazione di un apparecchio dentale fisso o mobile, di un bite da usare solo la notte, all’estrazione dei denti che provocano l’affollamento dentale o, in caso di grave malocclusione, si interviene con un’operazione chirurgica.

Qualunque sia il trattamento necessario, il primo passo da compiere è rivolgersi a un team di medici specialisti per la valutazione del disturbo.

Specialisti

Per prenotare una visita, chiedere dei seguenti specialisti:

  • Dott.ssa Amati Arianna
  • Dott.ssa D’Ambrosio Stefania
  • Dott.ssa Iacobellis Maria Isabella
  • Dott.ssa Pizzi Maria Antonietta